5 cose che ancora non sai sul Festival di Sanremo

Ubi maior minor cessat, dicevano i latini e, se lo dicevano loro, chi sono io per non dirlo a mia volta? Ebbene sì, cari lettori, siete di fronte ad una PUNTATA SPECIALE di questa rubrica: grazie al guizzante spunto di Centoquarantadue, oggi parleremo delle 5 cose che ancora non sai sul Festival di Sanremo.

1) Il Festival di Sanremo, come tutti sanno, nasce a Viareggio nel 1948 e si trasferisce nella “Città dei Fiori” a partire dal 1951, al fine di incrementare il turismo nella “stagione morta”. Quello che non tutti sanno è che in realtà, dal 1951 al 1962, per volere di Stalin (il vero e occulto organizzatore del Festival) la kermesse si tenne a Mosca. Quello che tutti credono essere “Il salone delle feste del Casinò di Sanremo” è in realtà un ex-magazzino di esplosivi all’interno del Cremlino. Alla morte di Stalin (1953) il Soviet Supremo mantenne il controllo del Festival, che divenne teatro principale della Guerra Fredda.

2) Nilla Pizzi domina incontrastata le prime due edizioni, addirittura nel ’52 arriva prima, seconda e terza. La brava cantante bolognese diventa ben presto una celebrità e, come tale, è bersaglio delle malelingue (il nome che a quei tempi aveva il gossip). La stampa americana, che per ovvi motivi avversa il Festival, supportata dal Mossad, insinua la maldicenza che Nilla sia una spia comunista e qualcuno arriva pure a sussurrare che sia l’amante di Stalin. Maldicenze, invidia: nulla più. Resta però il fatto che, dopo la morte di “baffone” avvenuta nel 1953, Nilla non vinse mai più il Festival.

3) Il Piano Mike è il nome che l’FBI diede alla più grande operazione di controspionaggio della Storia mondiale. Il Presidente J.F.Kennedy si insedia alla Casa Bianca nel 1961 e come unica priorità ha “Portare il festival di Sanremo a Sanremo”. Consegna i pieni poteri a J.H.Hoover e finanzia con miliardi di dollari il Piano che, ad oggi, è ancora in parte coperto da Segreto di Stato. Fatto sta che, tra mille difficoltà, il Piano riesce e, nel 1963, il Festival di Sanremo si insedia effettivamente nella città che porta il suo nome. A suggellare la vittoria americana, a presentare il Festival per quattro anni di fila, Mike Bongiorno.

4) Mao Tse-Tung era un grande appassionato del Festival di Sanremo e non ne faceva mistero, almeno con i suoi più stretti collaboratori. Per celebrare questa sua passione, in tutta la Cina, in occasione della serata finale del Festival, veniva concesso un intero quarto d’ora di permesso a tutti i lavoratori. Non tutti sanno che questa passione (e parte del suo nome) derivano dalla passione della sua mamma per una vecchia canzone del Trio Lescano.

5) Scandalo! Il Festival è una fonte inesauribile di Gossip. Ormai da anni, i partecipanti, gli ospiti e i conduttori, si adoperano per stupire e, perché no, scandalizzare. Quali sono i più famosi scandali della Storia del Festival? Questi: il pancione di Loredana Berté, Benigni che si riferisce al Papa chiamandolo “Wojtilaccio”, la spallina cadente di Patsy Kensit con conseguente tetta al vento, la farfallina di Belen. Ma uno su tutti, tra questi scandali, mandò in tilt il Gossipmetro: fu nel 1977 quando Topo Gigio, dopo aver detto il suo celebre “Ma cosa mi dici mai!” mostrò il cazzo in mondovisione.

Con questo, ora che ne sapete abbastanza, non mi resta che augurarvi una buona serata.

Perché? Perché Sanremo è Sanremo!

6 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...