La Castagnata

In quel tempo, Giorgio disse ai suoi dodici apostrofi: “Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina.”

Davide smise per un attimo di cucinare le caldarroste e chiese: “Chi si occupa del vin brulé?”

Mattia disse che gli sembrava di aver sentito che se ne sarebbe occupata una famiglia di Samaria, Matteo andava chiedendo in giro, senza ottenere risposta alcuna. Carlo, brontolando come un vecchio diesel, rammentava ai presenti di darsi da fare, che le castagne mica si cuocevano da sole e presto la gente sarebbe arrivata.

Giorgio, visto che nessuno se lo filava, provò a fare qualche piccolo miracolo, ma non gliene riuscì mezzo. Andò allora, con i pensionati del luogo, in pellegrinaggio ai più vicini cantieri edili, nell’attesa che arrivassero le 11 e con esse l’apertura della Castagnata.

E’ Parola di Giorgio.

8 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...