L’imprevista

Di quella volta che il più spietato piccione del cielo scoprì di essere fragile…

LaChimicaDelleLettere

Puntata 7 - L'imprevista

“Non è il Destino, il Fato, Il Caso o la Sfortuna. No.
Quella liquida, bianca, cagata che ti ha appena colpito la giacca
o la pettinatura fresca di parrucchiere, sono io.
Lo faccio apposta, perché sono un piccione e vi odio tutti.”

Sono un piccione tutto di un pezzo.
Nulla mi distrae, nulla mi distoglie dal mio obiettivo. Quando vedo qualcuno di voi che, per un qualche motivo, mi stimola la “bianca vendetta” io colpisco.
Non manco un colpo.
Nessuno mi può sfuggire, nessuna giacca, nuca, pettinatura fresca di messa in piega. Sono una macchina.
Sono la giustizia che plana su tutti voi, odiati umani.

Non ho mai ceffato un bersaglio, prima di questa mattina.
Aggrappato alla testa di un lampione, stavo aspettando i due fidanzatini cinquantenni fuori dalla gelateria: Cioccolato e Pistacchio lui, Fiordilatte e Nocciola lei.
Pronto a planare come un fulmine sulle loro teste. Prontissimo a mollare…

View original post 114 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...