In salita

Uno degli scorci più belli della mia Terra natia, la Liguria, è la parte terminale del lungomare di Camogli, dove sorge la Basilica di Santa Maria dell’Assunta e dove sovente le onde fanno a sberloni col molo, in spettacolari mareggiate.

E’ una Terra, la mia, in salita come la vita, un costante spingere e faticare, con l’unica consolazione di rifiatare, per un attimo, prima di riprendere il cammino.

Non è un caso, o forse lo è (ma tanto sappiamo qui tutti bene che il caso non esiste), che proprio sotto la suddetta basilica vi sia uno stretto passaggio, con una corta, ma ripida scalinata.

Quivi, ignoto pittore ha voluto ricordare a tutti noi il concetto sopra esposto, o forse più prosaicamente, ci ha voluto incitare all’accoppiamento.

In ogni caso, quale che sia stato il suo reale intento, rimane il concetto di spingere e faticare e ogni tanto rifiatare.

Il cuore ringrazia.

Anche io vi ringrazio per essere passati di qua. Lo sapete: la porta è sempre aperta.

Aurelio

.

.

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...