#BREXIT – Il parere dell’esperto

BREXIT

Di fronte ad eventi epocali, o presunti tali, quali il voto che ha appena espresso il Popolo del Regno Unito è inutile, nonché pericoloso, affidarsi alle voci di corridoio.
È invece opportuno rivolgersi a chi, in materia, è decisamente ferrato e competente.
Per questo oggi bussiamo alle porte della prestigiosa Busalla Business & Economy State University e ci accingiamo a intervistare l’economo di fama internazionale, Amilcare Brambilloni, Professore Ordinario di Meccanica Britannica Applicata, nonché decano dell’International Banana Society.

-Good morning Professor Brambilloni.
-Prego?

-Buongiorno Professore… Gliel’ho detto in inglese.
-Le consiglio di parlare in italiano. Presto l’inglese sarà una lingua fuorilegge.

-Addirittura!
-Parlavo di questo proprio ieri a Strasburgo…

-Parlamento Europeo?
-Veramente no. Sono stato a trovare un’amica…una… professionista dell’intrattenimento personale diciamo…

-Ops…
-…e con lei ho appunto riflettuto a fondo sull’imminente messa al bando della lingua inglese, come prima conseguenza del voto che ha decretato il Brexit.

-Una tragedia…
Tutt’altro! A me ad esempio fa molto piacere! Non ho mai capito una sola parola di inglese!

-Ma Professore, con il suo lavoro, la sua posizione, come ha fatto a fare a meno dell’inglese?
Ma vede, quando si ha la fortuna di avere un posto fisso statale, addirittura universitario, non conta affatto fare bene il proprio lavoro! Basta che tu, o qualcuno per te, timbri il cartellino.
Per ciò che afferisce al tema della traduzione, ho il privilegio di avere intere legioni di giovani preparati e competenti, che basta illudere con la promessa di un inesistente futuro in Facoltà, per aver tradotto ciò che voglio a costo zero.

-Però… Tornando al tema dell’intervista: che impatto avrà il Brexit sull’assetto socio-economico europeo?
Secessione. Questa è la parola chiave. Incoraggiato dal voto in UK, qualsiasi stronzo vorrà uscire da qualcosa. Lecite o meno siano le motivazioni. Mi aspetto che la Scozia si muova, seguita dal Galles. Subito dopo il Madagascar.

-Mi perdoni Professore, ma il Madagascar non è in Europa!
Apparentemente no, ma vede: l’uscita dall’EU di una grossa isola, apre alla potenziale entrata, seguita da immediata uscita, di altre grosse isole: Madagascar, Australia, Cile…

-Eh no! Il Cile non è un’isola!
Si aggiorni. Dopo il Brexit il Cile galleggia già al largo della California.

-Perbacco!
Dica pure “Minchia!”. Ci sta.

-Eh già. Quindi, ricapitolando, che scenario dobbiamo aspettarci?
In estrema sintesi, possiamo così riassumere lo scenario Brexit come segue:

B: “Belin! E ora?” Ossia panico nelle principali borse mondiali.
R: “Rum” la prima soluzione a cui le borse mondiali penseranno.
E: “Esticazzi” come ci hanno insegnato i Latini, per accettare il Fato.
X: “Pareggio” perché perdere è brutto e vincere non si può.
I: “Italia” Sono decenni che cerchiamo invano di fallire: è la nostra occasione.
T: “Tarallucci e Vino” perché in fondo io sono pieno di soldi e, comunque vada, me la caverò. Voi… cazzi vostri.

 

Annunci

4 comments

  1. Ci voleva una mossa per sdrammatizzare! Tutte le televisioni del mondo non fanno che parlare di questa votazione come se a causa di essa la civiltà, come noi la conosciamo, stesse per finire… Sinceramente, ritengo che siamo tutti troppo emotivi: se la Brexit è un problema (e sottolineo il SE), ciò dipenderà unicamente da come l’Europa deciderà di affrontarlo. Se per una volta si userà il buon senso e non ci si comporterà come bambini arrabbiati, tutto può essere risolto in tempi accettabili.

    Mi piace

  2. Naturalmente, quanto ho detto prescinde dalla possibilità che Berlino permetta e qualcun altro di indire un referendum altrove… già la La Pen si è scatenata… e noi non accadrà perché non sapremo fare una crasi decente tra Italy ed exit…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...