Pecora nera

Un mese come un altro 22_08

Mi piace il rumore dei miei passi sulla ghiaia.
Nel silenzio di queste montagne, suona come la mandibola di un gigante di pietra, che dà davvero l’idea del concetto di “macinare strada”.
Mani dietro la schiena, come un pescatore in pensione, metto un piede dopo l’altro sulla linea bianca che delimita la carreggiata, appena sotto il guard-rail, e avanzo facendo scricchiolare i sassolini sotto le mie suole.

Il sole sta calando, i grilli si giocano gli ultimi cri-cri, una cornacchia lontana vola con qualcosa di grosso nel becco. Io come al solito a quest’ora sto cercando di immaginare cosa scrivervi in questo diario. Finisco la passeggiata e mi rintano sul terrazzo.
Il problema non è l’assenza di idee, piuttosto è il contrario. Ho un immane casino in testa e un leggero buco allo stomaco.
Decido allora di risolvere il problema più semplice: mi faccio un mezzo panino al prosciutto e un grappolo d’uva nera.

Ora il buco allo stomaco non c’è più, ma la fame di idee buone mi è rimasta.
Ascolto il belato lontano delle pecore del vicino e gli spari, fatti con la bocca, del cazzo di bambino tedesco sul terrazzo alle mie spalle. Gli tirerei una pecora, se ne avessi una a portata di mano, ma purtroppo non ce l’ho.
Chissà a che minchia si spara il bambino tedesco.

Nel gregge, ve lo giuro, c’è davvero la cosiddetta pecora nera. Un po’ più piccola delle altre, clamorosamente diversa dalle altre. Bella, mi piace.
Chissà se la pecora nera lo sa di essere nera oppure, vedendo le sue compagne di recinto, si immagina anche lei bianca.
Chissà che minchia sta dicendo la mamma tedesca del bambino tedesco. Ma ci state zitti che non riesco a sentire cosa pensa la pecora nera?
Miracolo: con la forza del pensiero li ho convinti a sparire.
Resto io, mezzo nudo sul terrazzo, e la pecora nera laggiù, nel campo.

Io credo che si immagini di essere una pecora come le altre, ma in fondo non me ne fotte un cazzo.
Vado a farmi una birra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...