Un sorso a mani vuote

Un mese come un altro 21_08

Non possediamo nulla.
Non possediamo neanche le cose che siamo convinti di possedere, nemmeno il cibo che mangiamo, l’acqua che beviamo, non possediamo il denaro, il lavoro, l’aria che respiriamo.
Tutto ci passa attraverso, ci nutre, ci disseta e poi diventa merda, piscio, scorreggia.
Tutto ci illude che quello sia il senso, ma ci passa solo per le mani, che restano vuote quando la bara si chiude.

Non possediamo nulla e non possediamo nessuno. Né i vivi né i morti. Non possediamo i nostri figli, il marito, la moglie, l’amante, il compagno, l’amico. Nessuno.
Siamo convinti, magari, che siano “nostri”, ma la realtà non è questa.
Non possediamo il nostro corpo, perché non decidiamo quando iniziare e nemmeno quando finire. Un bel giorno la spina si stacca e non ci siamo più.

Non possediamo nemmeno la felicità, ma la vediamo sgorgare da una fontanella in legno che allaga un tronco scavato. E’ fresca, trasparente, forse fine a sé stessa, ma profondamente in grado di migliorare la nostra qualità di vita.
E noi stiamo lì accigliati, davanti alla fontana, con le mani piene di tutta quella roba e di tutte quelle persone che pensiamo di possedere. E tratteniamo tutto, ci affanniamo perché tutto il “nostro” resti nostro e così lavoriamo tanto, troppo, compriamo case e cambiamo l’auto, strattoniamo relazioni morte convinti di poterle rianimare, miniamo il futuro dei figli con le nostre frustrazioni. Con le mani occupate non possiamo raccogliere il bicchiere e bere un sorso, almeno un sorso, di quella felicità che sta lì a mezzo metro da noi.

Basterebbe mollare la presa, accorgersi che in fondo trattenere non serve a niente e che se qualcosa o qualcuno scappa forse è meglio così, per poi prendere il bicchiere, riempirlo fino all’orlo ed essere felici, almeno per un po’.

Annunci

Un commento

  1. Pieno di verità. Purtroppo i media e le nostre autoconvinzioni ci inducono a credere che il possesso sia la vita, e gli oggetti che possediamo ci danno piccole sicurezze. Vivere è tutt’altro!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...