Scarp de tenis

Scarpdetenis

Hai presente quei minuscoli spicciolini che ti zavorrano il borsellino o che ti sciabordano nelle tasche?
Sì, quelli che tintinnano inutilmente nel vano porta oggetti dell’auto, quei cazzo di centesimi che non vuole più nessuno, quelli che la Finlandia non conia più da anni.
Bene, io ho trovato un buon modo per liberarmene.
Prendi otto centesimi: una monetina da 5 cent, una da 2 e, per finire, una da 1 cent. Sono così pochi che non li daresti neanche a un mendicante che chiede l’elemosina, eppure…
Se li metti da parte ogni giorno fanno 2 euro e mezzo al mese: 30 euro in un anno.
Questo è il prezzo della patente da super eroe, che ti permette di aiutare un sacco di persone senza sudare neanche un po’.
Sto parlando della rivista “Scarp de tenis” che, oltre ad essere un bellissimo giornale mensile, è un progetto sociale così bello da meritare di essere conosciuto un po’ di più.

Questo è il motivo per cui scrocco un pranzo al mio amico Stefano Lampertico in una Milano indecisa se lavarci di pioggia o soffocarci di afa.

Ciao Direttore, la prima cosa che colpisce di Scarp de tenis è la grafica da “vera rivista” e l’autorevolezza delle molte firme che ci scrivono. Non sembra, in tutta franchezza “un giornale venduto dai barboni”. Com’è possibile produrre un mensile così bello con un prezzo di copertina di soli 3,5 € ?
Sai, in giro c’è molta gente buona, sicché basta chiedere, raccontare il progetto. Spiegare cos’è Scarp.

Appunto. Cosa è Scarp?
E’, non solo un valido progetto editoriale, è una rivista che fa bene a chi la vende. I nostri venditori sono tutti regolarmente a contratto e a tutti viene fornita una residenza anagrafica, condizione essenziale per poter avere un medico curante. Scarp è un’occasione di riscatto, è un lavoro dignitoso.

Chi sono i vostri venditori?
Sono equilibristi, gente che è già caduta dal filo sospeso su cui ondeggiava e che, malgrado la botta, ha  deciso di risalirci. Si cade in un attimo e tirarsi su è difficilissimo. In mezzo alle tante porte chiuse, che ci si ritrova davanti in questi casi, Scarp de tenis è la porta che si trova aperta.

Chi glielo fa fare alla gente che scrive su Scarp di fare tutto questo (per giunta spesso “a gratis”)?
Ognuno ha le sue personali ragioni, in generale però ci accomuna la voglia di raccontare la vita in modo diverso da come la si vede o legge sui media “principali”

Il venditore di Scarp vende il giornale in strada e trattiene per se una quota del prezzo di copertina. Così lo possiamo aiutare.
E quelli pigri come me? Come fanno a comprare Scarp de tenis senza uscire di casa?

E’ molto facile. Sul nostro sito clicca sulla pagina “ABBONATI” e fai tutto on-line. Riceverai Scarp comodamente a casa.

Scusa l’ingenuità della prossima domanda. Come mai esistono i “barboni”?
 Vedi, in questi anni, alla figura di “clochard per scelta” si va sempre più affiancando una grande quantità di “gente normale”. Gente come me e te, che a un certo punto scopre di essere rimasta completamente sola, un po’ perché la tentazione alla caduta è forte, un po’ perché la sfiga esiste e, a volte, si accanisce. Un tipico caso è il 45-50 enne che perde il lavoro, la casa, la famiglia, così: come in un effetto domino. E si trova solo. Un uomo morto.

[E’ “gente normale”, pensa un po’, quel barbone che spesso scanso. Potrei essere io, se qualcosa girasse storto.
Mi fa piacere sentire da Stefano che i venditori di Scarp non restano a lungo con loro. Spesso trovano un altro impiego, riallacciano rapporti con la famiglia… insomma si reinseriscono nella società.
E’ gente normale che si può aiutare comprando una rivista (che per inciso ha appena vinto il Premiolino). A voi la scelta.]
 

Senti Stefano, è così difficile voler bene alla gente senza ottenere per questo un tornaconto?
La logica del mercato si applica ormai anche alla persona. E’ una scelta personale quella di rinunciare al proprio “utile”. Ad esempio: tu quanti gesti gratuiti fai in una giornata?

Oh cazzo.

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...