immagine Morte di uno qualunque

000morteCessosangue

A mezzogiorno in punto, di un sabato qualunque, uno dei vari organi ammucchiati nella mia cassa toracica fece “crack”. Nessun dolore. Solo un improvviso torpore a coprirmi le spalle come una calda coperta di lana e ad abbracciarmi sul divano dal quale non mi sarei alzato mai più.
“Che cazzo di sonno …” furono le mie ultime parole.
Fuori dalle finestre c’era un Febbraio stupido, troppo caldo per essere vero, che pisciava la sua pioggerellina stitica, buona solo per dar fastidio ai battistrada delle auto che arrancavano in salita.
Un paio di passerotti, rifugiati sotto il cornicione, cinguettarono placidi in attesa che il tempo migliorasse. Questo fu l’ultimo suono che riuscii a sentire.
Mi sciolsi completamente nel buio perdendomi e, per un istante, svanii nel nulla.
Dopo pochi momenti una fessura di luce mi riportò in salotto. Non più sul divano, ma davanti ad esso e al mio corpo senza vita. Galleggiavo leggero ad un paio di metri dal pavimento e mi potevo vedere dormire un sonno apparentemente normale, ma definitivo.
Mi soffermai per qualche minuto sulla mia sciatteria e mi sorpresi a non riconoscermi così trasandato, sovrappeso e sgradevole alla vista. Fatta l’amara considerazione, mi diedi l’addio. Una forza potente e misteriosa mi trascinò con dolcezza lontano, verso una luce, mano a mano più intensa, e verso un suono scrosciante e famigliare. Iniziai quindi a scivolare verso il basso in un vorticare di acqua e bianchissima porcellana.
La porta verso l’aldilà, nel mio caso, fu lo sciacquone del water di casa.
Il mio spirito si mescolò tra i flutti turbolenti in caduta libera e percorse rapido il precipizio dei sette piani del mio palazzo, per poi affluire, con un tuffo buio e silenzioso, nel torrente fognario del quartiere.
Cosa stava accadendo alla mia anima? Perché navigava in un nauseabondo liquame scuro, tra rifiuti di ogni genere e giganteschi topi di fogna? Era questa dunque l’Eternità?
Nel buio dei canali sotterranei, non avevo altro che la coscienza di me. Non sentivo odori, sapori, rumori, caldo o freddo, navigavo in un Ade suburbano senza capire se viaggiavo verso una precisa destinazione.
D’un tratto la corrente accelerò, a causa della lieve pendenza del fondale, e mi ritrovai a sfrecciare per tubature sempre più ripide, man mano più strette e profonde. Tubature vive, elastiche, infinitamente lunghe e ramificate, pulsavano al ritmo di un tamburo lontano.
La pressione dei fluidi, dentro ai quali scorrevo, si fece sempre più imponente ed il mio spirito, completamente comprimibile, cominciò a compattarsi fino a diventare centotrenta volte più piccolo di un millimetro. La corrente si fece irregolare così da farmi avanzare a sbalzi, assieme ai miei simili.
Non importava più vedere, pensare o raccontare. “Trasportare” era l’unica parola che contava.
Io e milioni di altri globuli rossi, carichi di emoglobina mista a ricordi di vite ormai estinte, scorrevamo.

Annunci

8 comments

  1. Caro Immaginario, ti chiamo così col solo qualificativo per non offendere il tuo perbenismo che, per un malsano senso estetico, ti ha indotto a eliminare dal blog il sano Maiale che era in te. Mi ero ricavata uno spazio serale per leggere di seguito tutte le storie, e mi sono trovata davanti al fatto compiuto. Non so se ti perdonerò mai. E nemmeno sono in grado, dopo aver partecipato all’ultimo atto di sangue, di emettere un qualsivoglia giudizio in merito.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...